Persimmons and tangerines’ mousse * Mousse di cachi e mandarini

persimmon
source Pinterest

Hello beauties! Cooking is one of my passions, I really enjoy new recipes and tasting unusual combinations, like the one I’m going to share with you today.

INGREDIENTS for 4/5 servings

2 ripe persimmons

300 ml (10 oz) of tangerine juice (about 10 small tangerines)

a pinch of vanilla bourbon

a tablespoon of brown sugar

3 gr (0.10 oz) of agar agar

Wash and dry persimmons before peeling them. Blend the pulp and add the vanilla bourbon. Put the tangerines’ juice into a small pot and stir it with the agar agar until boiling point, then add the sugar and stir gently for a couple of minutes. Pour the mix on the smashed persimmons and blend together.

Put the mousse into small cups and let cool down at room temperature until appears to be compact, then put into the fridge for a couple of hours before tasting. Voilà!

*****

Ciao! La cucina è una delle mie passioni, mi diverto a provare nuove ricette e combinazioni insolite, come quella che vi propongo oggi.

INGREDIENTI per 4/5 porzioni

2 cachi maturi

300 ml di succo di mandarini (circa 10 piccoli frutti)

un pizzico di vaniglia bourbon

un cucchiaio di zucchero di canna

3 gr di agar agar

Lavate e asciugate con cura i cachi prima di mettere la polpa nel frullatore fino a ridurla in crema. Mettete il succo filtrato dei mandarini in una piccola casseruola con l’agar agar e portate a bollore, aggiungete lo zucchero e mescolate per un paio di minuti. Mettete il composto sopra la crema di cachi e mescolate finchè non è ben incorporato.

Lasciate raffreddare la mousse a temperatura ambiente, quindi trasferitela per un paio d’ore nel frigorifero prima di servirla. Voilà!

 

 

 

FALL TREND – EMBROIDERY * TENDENZA AUTUNNO – RICAMI

NYFW has just finished and LFW has just started, there are a few trends that begun last Spring that will be a must for this Fall and Winter.

Today I’m going to focus on one basic trend: embroidery. Forget the equation “embroidery=granny style”, finally designers legitimised a funny and stylish version of embroidery, strange stiches and amazing cuts on clothes, as well as prints and tapestry. That old granny style has now turned into cootie patootie, funny and sexy outfits.

Thus, for me, is a strong sign of the times, a big return after a shy attempt during nineties. Does anybody remember floral embroidered denim? Well, that wave has now become a must have after designer Alessandro Michele’s intuition at Gucci. Not only he launched a new bag line (Dyonisus, no surprise the name is the Greek God of luxury…), but he made it customised. Not to mention Sylvie line, with gros-grain bows with Gucci’s typical stripes. Then the designer presented that collection that made me literally jump on the chair, flare embroidered jeans, seventies allure, big frames, bright colours…and he definitely seduced me!

And after Michele’s intuition, designers gave a new meaning to the word “baroque”, here above you’ll find a selection of my favourite items, a must have, must buy!

*****

La NYFW è appena terminata e la LFW inizia oggi, vi propongo alcune tendenze che sono in realtà apparse con la scorsa collezione e che hanno trovato vigore con queste ultime.

Oggi l’attenzione è per i ricami. Scordatevi l’equazione “ricami=roba da nonnette”, finalmente i designer hanno sdoganato una versione divertente e piena di stile dei ricami, di punti e tagli sartoriali audaci, dI fantasie e stampe barocche.

Un forte segno dei tempi, un grande ritorno dopo un timido tentativo negli anni ’90. Qualcuno si ricorda per caso i jeans con i ricami floreali? Quella tendenza è diventata ora un must have dopo l’intuizione di Alessandro Michele da Gucci. Alessandro non ha solo lancato la linea di borse Dyonisus (il dio greco della lussuria…non a caso), ma l’ha resa personalizzabile. Per non parlare della linea Sylvie, che rinnova con i fiocchi le classiche righe Gucci in maniera non convenzionale. Poi ha presentato una collezione che mi ha fatta letteralmente saltare sulla sedia, jeans a zampa, allure anni ’70, grandi occhiali, colori vivaci…e mi ha definitivamente sedotta!

E dopo l’intuizione di Michele, i designer hanno dato un nuovo senso alla parola “barocco”, come potete vedere dalle immagini della mia selezione di must gave…e soprattutto must buy!